APERTURA DEL PERCORSO SINODALE

AN INCLUSIVE COMMUNITY FOR ALL WHO

WhatsApp Image 2021-05-22 at 10.42_edited.jpg

CANALI SOCIAL

dirette-facebook.jpg

Il simbolo del Sinodo spiegato

194267863_119096187023394_3138794004769335052_n.jpg

LA CROCE DI CRISTO

La Croce di Cristo rappresenta l’albero della barca, segno di stabilità, segno dell’infinito amore di Dio per l’Umanità.

È l’elemento principale, dal quale ogni cosa ha origine.

192476831_118056963793983_4215865324622278511_n.jpg

LA VELA DI MARIA

La vela rappresenta Maria,

“DONNA DEL SI” e fondamentale

compagna di viaggio, che si è lasciata

interamente travolgere

dal soffio dello Spirito Santo

e che ha sempre seguito, da Madre,

le orme del Figlio.

193505117_117796787153334_5438411341510898849_n.jpg

LA COLOMBA DELLO SPIRITO SANTO

La colomba dello Spirito Santo rappresenta la barca nella quale

tutti noi possiamo navigare e

farci guidare, dal soffio dello Spirito.

CRONOLOGIA EVENTI

Sinodo Diocesano.jpg
 

Che cosa è un Sinodo diocesano?

È la riunione del Vescovo con i sacerdoti, i consacrati e i laici della Diocesi per prendere in esame la pastorale locale, nel suo insieme o in alcuni aspetti rilevanti, e stabilire orientamenti e norme comuni[1].
È evento di comunione e strumento legislativo.
È evento di comunione perché si raduna la Comunità cristiana di Urbino-Urbania-Sant’Angelo in Vado tramite dei rappresentanti (saremo circa 250).
È strumento legislativo perché i lavori arriveranno a un atto decisionale dell’Arcivescovo che, a partire dalla consultazione sinodale[2], definirà delle norme che inizieranno dei processi ecclesiali nuovi.
Il Sinodo è una esperienza di partecipazione la cui ripresa è stata sollecitata dal Concilio Vaticano II.

_____________________________
[1] Il canone 460 descrive il sinodo diocesano come "riunione ('coetus') di sacerdoti e di altri fedeli della Chiesa particolare, scelti per prestare aiuto al Vescovo diocesano in ordine al bene di tutta la comunità diocesana".
[2] I sinodali sono chiamati a "prestare aiuto al Vescovo diocesano" formulando il loro parere o "voto" circa le questioni da lui proposte; tale voto è detto "consultivo" per significare che il Vescovo è libero di accogliere o meno le opinioni manifestate dai sinodali. Tuttavia, ciò non significa trascurarne l'importanza, quasi fosse una mera consulenza "esterna", espressa da chi non ha alcuna responsabilità nell'esito finale del sinodo: con le loro esperienze e i loro consigli, i sinodali collaborano attivamente nell'elaborazione delle dichiarazioni e dei decreti, che verranno giustamente chiamati "sinodali", dai quali il governo episcopale della diocesi ricaverà in futuro ispirazione.

DOCUMENTAZIONE

Preghiera per il Sinodo Diocesano

Modulo di partecipazione al Sinodo Diocesano

Inno del Sinodo Diocesano (accordi)